Coraggio…Fatti Ammazzare

Coraggio…Fatti Ammazzare
Coraggio…Fatti Ammazzare

Quarto episodio della serie Dirty Harry in cui si registrano diversi cambiamenti importanti. La scena si trasferisce dalla criminalissima San Francisco alla provincia (San Paulo), Eastwood si occupa della regia, un personaggio femminile (Sandra Locke) ha un ruolo molto importante nel plot. In realtà, anche Tyne Daly nel precedente Cielo di Piombo Ispettore Callaghan aveva una parte significativa, ma era pur sempre una comprimaria di Callaghan, mentre qui la Locke è un nodo narrativo fondamentale per la storia, e comunque si percepisce un'attenzione maggiore al personaggio. Plot molto corposo, meno macchiette e più approfondimento psicologico. In generale, qui si vola più alto rispetto ai precedenti Dirty Harry, c'è una sensibilità diversa, più fine (quella di Eastwood regista appunto), sebbene non manchi la consueta dose di violenza; anzi proprio nel disagio palpabile che si avverte riguardo alla vicenda di stupro su cui è incentrato il film si evidenzia la volontà di Eastwood di non ridurre la pellicola ad un "mero" poliziesco, ma di contaminarlo invece abbondantemente col dramma, anche piuttosto crudo, asciutto ma duro. Magistrale in questo la risoluzione finale, che rende Callaghan estremamente umano e il pubblico parteggia per lui. Immancabile la consueta scena del cazziatone di Callaghan nell'ufficio del capo (e la stampa, e i metodi violenti, e bla bla bla...a Callaghan viene dato del "dinosauro"). E' il film della celebre battuta "Smith, Wesson...e me" (ma è imperdibile pure la serie di epiteti rivolta al delinquentello di turno, ad inizio film, nell'ascensore del tribunale, della serie "merdina di cane"). C'è pure tempo per il solito, fantastico, mirabolante angolo del traduttore italiano: fino al terzo film, la battuta tipica di Callaghan è un sarcastico "magnifico". Da questo film diventa inspiegabilmente "sublime". Menzione d'onore per il cane polpetta, "magnifico", che salva pure la vita a Harry in un'occasione. Gran dispiego di artiglieria, ma questo già lo sapevate, è Callaghan mica Don Matteo.

Trailer ufficiale

Galleria Fotografica