E

Eva Nera

Eva Nera è una variazione massaccesiana delle Emanuelle Nere. Anzi si racconta che, all'indomani dell'uscita del primo Black Emanuelle di Albertini, D'Amato ed il suo produttore fossero rimasti estasiati dalla Gemser, allora giovane modella semi sconosciuta; il film andò bene e pareva un'ottima idea per fare un po' di soldi. I due volarono quindi di gran carriera in Belgio, dove viveva e lavorava ...[Continua]

Emanuelle In America

Terzo film della serie con una sola M e con la Gemser, e secondo di Massaccesi dopo Emanuelle Nera Orient Reportage. Gustato nell'edizione super integrale doppio dvd Stormovie, con annesso secondo dischetto di contenuti extra, tra i quali un'ora di intervista a D'Amato. Da molti è considerato uno dei migliori della serie (se non il migliore) nonché uno dei migliori prodotti di D'Amato tout court....[Continua]

Emanuelle Nera Orient Reportage

Emanuele Nera Orient Reportage è il secondo capitolo delle gesta della Gemser, versione caffelatte della Emmanuelle con due "M" della Arsan. Il primo di Adalberto Albertini è un gran bel film e dunque questo episodio di D'Amato partiva già un po' svantaggiato, nel tentativo perlomeno di eguagliare il suo predecessore. Purtroppo, va detto, non ci riesce. E' vero, questo reportage in Oriente è un ma...[Continua]

Emanuelle Nera

Emanuelle Nera di Albert Thomas (Adalberto Albertini) è la filiazione regina delle 8256 filiazioni derivanti dalla Emmanuelle originaria francese (quella con la Krystel e due emme). Tipica espressione del genio italico, un po' creativo un po' fanfarone; ovvero, si scopiazza la roba altrui, ma contestualmente la si reinterpreta, riplasma, la si fa diventare un prodotto nostrale ruspante, altrettant...[Continua]

Ecco Lingua D’Argento

Mi si potrebbe facilmente additare come un estimatore di bocca buona del cinema di genere '70 / '80 e neanche tanto a torto. Però oggi vi dò la fregatura, eh già perché la visione di Ecco Lingua D'Argento mi ha parecchio deluso. Mi aspettavo ben altro. C'è Carmen Villani e c'è Nadia Cassini, ma pure Gianfranco D'Angelo. Fintamente ambientato in Colombia (siamo in Tunisia), è la storia di un ragazz...[Continua]