M

Matrix

I (le) Wachowski strapparono il si alla Warner Bros per Matrix (60 milioni di dollari di budget stimato) dopo il successo ottenuto con il torbido Bound, non sarebbe stato facile altrimenti convincere uno Studio hollywoodiano ad imbarcarsi in un progetto tanto ambizioso, nei contenuti, nella forma e soprattutto nei costi, per altro affidandone le redini ad una coppia di fratelli registi pressoché e...[Continua]

Il Magnate

Buzzanca movie doc con un ruolo cucito preciso preciso su di lui, una storia al suo servizio anche se, stavolta, perlomeno il finale è meno buzzanchiano di quanto sarebbe lecito aspettarsi. Anno di grazia 1973, appena un lustro dal '68, con tutti i suoi stravolgimenti, in particolare per quanto riguarda società, costume e femminismo. Qui Giovanni Grimaldi - affiliato alla premiata ditta Franco Fra...[Continua]

La Maschera Di Fu Manchu

Il dottor Fu Manchu vanta decine e decine di testi letterari, pellicole cinematografiche, ore di programmazione televisiva e radiofonica, strisce di fumetti a lui dedicati. E' stato tra i primi super criminali, se non il primo assieme al Professor Moriarty, nemesi di Sherlock Holmes. Fu Manchu ha dalla sua l'aggravante di essere un terrore "globale", capace di travalicare i confini cinesi ed asiat...[Continua]

La Mummia

Esisteva Il Trionfo Della Volontà di Leni Riefensthal ed esiste il trionfo della volontà di Tom Cruise, che si manifesta ad ogni film che fa, anzi è ogni film che fa. Sta diventando quasi più interessante seguire i making of, i backstage, gli extra dei dvd anziché i film in sé, poiché il superomismo nietschiano che Tommasino Missile ripone e dispensa nella realizzazione della sua arte cinematograf...[Continua]

Il Ministro

Ah ma allora è ancora possibile fare un film in Italia senza che sia una vaccata natalizia studiata a tavolino con pesi e contrappesi, un drammone sociale impegnato ispirato al fattaccio di cronaca del momento o una pseudo commedia sofisticata con i 40enni fighetti e il tomo di psicanalisi pronto uso sul comodino. E anche senza che sia dei Manetti Bros, forse oramai gli unici che a livello mainstr...[Continua]

La Morte Sospesa

Ci sono film dell'orrore e film dell'Orrore. Se vi vengono in mente i Freddy Krueger, i Jason Voorhees, i lupi mannari e i vampiri, si tratta senza dubbio di roba molto divertente ma apparietene alla prima categoria. Alla seconda invece vanno assegnati Platoon, Salvate Il Sodlato Ryan, Dead Man Walking, per fare qualche esempio. Anche il documentario di Kevin Macdonald va assegnato di diritto al f...[Continua]

Mimesis

Produzione di metà carriera di Fratter, a cui il regista bergamasco approda dopo una serie di titoli sempre e comunque orbitanti nell'alveo del filone thriller - ora declinato in chiave più schiettamente horror, ora più colorato di giallo - contenente elementi esoterici o magari sexy, ma comunque rivolto con affetto e rispetto alla lezione impartita dai Signori del cinema di genere, nostrano e non...[Continua]

Il Mondo Dei Sensi Di Emy Wong

Dopo due Emanuelle nere (con una sola M) e dopo che quel marpione di Massaccesi gli scippa l'idea piazzando la Gemser sulla sedia di vimini originariamente registrata a nome Kristel, Adalberto Albertini detto Bitto se ne inventa un'altra; se le Emanuelle bianche (all'occidentale) e nere (all'africana...ma la Gemser era tutto fuorché africana) sono già state sdoganate, nessuno ha ancora pensato ad ...[Continua]

La Morte Accarezza A Mezzanotte

Visto il bel successo riscosso con La Morte Cammina Con I Tacchi Alti (1971), Luciano Ercoli l'anno successivo ripropone un giallo thriller, sempre con la moglie Susan Scott e sempre con la Morte nel titolo (e col soggetto che porta la firma di Sergio Corbucci). Il meccanismo è quasi identico, tuttavia questa nuova incursione di mezzanotte del Tristo Mietitore complessivamente è meno efficace del...[Continua]

La Morte Negli Occhi Del Gatto

Prolificissimo regista di genere del nostro cinema bis, Antonio Margheriti firma nel '73, col suo inseparabile nome d'arte Anthony M. Dawson, l'horror La Morte Negli Occhi Del Gatto. Il titolo richiama il micione a nove code di Argento (avviatore della stagione zoofila del giallo thriller nostrano), uscito due anni prima. Nel '77 sarà la volta de Il Gatto Dagli Occhi Di Giada di Bido, e assai più ...[Continua]

Mark Colpisce Ancora

E in un biennio si conclude la trilogia del Poliziotto Mark di Massi, anche perché, come è noto, Franco Gasparri poi si spaccherà tutto in un incidente con la moto tanto da pregiudicare la sua carriera (oltre che la sua vita). Forse la saga sarebbe proseguita, forse no, sta di fatto che già il terzo capitolo si distanzia sensibilmente dai due precedenti, trasformando il commissario Mark Terzi nell...[Continua]

Mark Il Poliziotto Spara Per Primo

A neanche un anno di stanza dal primo Mark, Stelvio Massi torna ad occuparsi del poliziotto più fotoromantico del cinema di genere italiano, quello interpretato dal belloccio Franco Gasparri, sempre vestito piuttosto macho e casual, sempre con la barba incolta, sempre con una discreta zazzera, sempre col San Bernardo al guinzaglio, sempre di poche parole ma pesanti, come le pallottole esplose dall...[Continua]

  • 1
  • 2
  • 7