M

Mondo Topless

R. Lasagna e M. Benvegnù, nel loro saggio "Russ Meyer. Una macchina da presa tra le gambe dell'American Dream" (edito per Castelvecchi nel 2000) affermano che Mondo Topless (1966) è una delle pellicole più anomale nella carriera del regista. Un semi-documentario alla stregua dei Mondo movies e dei sottogeneri da essi derivati, ovvero i reportage scandalistici che nei primi '60 imperversavano nelle...[Continua]

Miss Potter

Situazione curiosa: venerdì sera, accompagno la mia signora ad una festa alla quale non avevo nessuna voglia di andare, e me ne vado solo e ramingo al cinema. Maschio over 30, nerovestito, anche con stivali tendenti al nazi, folta chioma al vento, che alla cassa chiede un solo biglietto - senza accompagnatore/trice - per vedere cosa? Miss Potter. Film da amiche tenere o coppia di innamorati con ve...[Continua]

  • 1
  • 6
  • 7