R

Racconto Immorale (aka 80 Italiansexy Model)

Limitandosi ai suoi trascorsi nel cinema erotico di fine anni '80 / primi '90, e senza avventurarsi in quale sia stato il primo primissimo (secondo alcuni Lolita 2000 con Petra Scharbach, risalente al 1990, ma in realtà IMDB riporta ben altre quattro pellicole tutte dell'89), con Salvatore Bugnatelli ne gira due, Intimo Profondo e Racconto Immorale. Di quest'ultimo esistono due versioni, perlomeno...[Continua]

Ragazza Tutta Nuda Assassinata Nel Parco

Si comincia con un riccone trovato morto nel tunnel degli orrori delparco divertimenti di Madrid, 1972. Anzi, ancor prima abbiamo assistito ad uno strano sacrificio, presumibilmente durante il tempo di guerra; un tizio condanna a morte madre e figlio lasciandoli legati mentre una bomba scandisce i suoi ultimi ticchettii. Poi passiamo a Madrid, e preciamente all'agenzia assicurativa che aveva firma...[Continua]

Riflessi Di Luce

Produttore e regista di Riflessi Di Luce venivano dal mondo dell'hard (benché Mario Bianchi avesse un passatto abbastanza solido anche nel cinema di genere, tra spaghetti western, commedie sexy e poliziotteschi) e nel 1988 sono il motore di questa pellicola che, almeno sulla carta, prometteva grandi cose. Esclusi i film a luci rosse tout court e le commedie scollacciate, Bianchi prima di Riflessi ...[Continua]

Red Dawn – Alba Rossa

Se ti metti in testa di girare un remake di un film di John Milius i casi sono due: 1) sei un pazzo scriteriato incosciente; 2) hai le palle quadre. Nel caso di Dan Bradley temo si tratti di entrambe le cose. Lo scorso anno è uscito il nuovo Alba Rossa, rifacimento della clamorosa pellicola di Milius dell'84. Ora, leviamoci il dente subito, Bradley sta a Milius come Gabriele Paolini sta a Rocco Si...[Continua]

Le Ragazze Pon Pon Si Scatenano

Summer School Teachers è il titolo originale di questa pellicola di exploitation del 1974 a firma Barbara Peeters (pure in Produzione c'è una signora, Julie Corman, alias la New World Pictures, ovvero un sinonimo di b-movies ed exploitation doc). Filmettino scanzonato, disimpegnatissimo, vacuo, leggero e senza pretese come un timida e tarda nevicata primaverile, che fa finta di spaventarci con qua...[Continua]

Emmanuelle Le Nuove Avventure: La Regina Della Galassia

E se non bastava tutta la serie franzosa di Emmanuelle, quella italiana tarocca di Joe D'Amato con Laura Gemser, i titoli spuri tipo Io Emanuelle, Emmanuelle E Francoise, Emanuelle E Lolita, Suor Emanuelle, Black Emanuelle White Emanuelle, Natale Con Emanuelle (...no vabbè, questo l'ho inventato io), etc, senza contare i porno, i simil porno e i quasi quasi porno; a un certo punto sbucano fuori pu...[Continua]

La Regola Del Silenzio

Il Codice Del Silenzio ce lo ha insegnato Chuck Norris, La Regola Del Silenzio invece ce la racconta Robert Redford, col suo nuovo thriller un po' legal un po' liberal, ma comunque polposo nelle sue dure ore di durata, ed infarcito di attorissimi, anche se perlopiù ridotti a piccoli ruoli, come Susan Sarandon (sempre eccellente), Nick Nolte (imbolsito), Julie Christie, Sam Elliot (figaccio imbianc...[Continua]

Red Lights

Rodrigo Cortés è quello di Buried, già solo questo dovrebbe invitare a vedere il nuovo Red Lights. Ma se non bastasse, abbiamo in cartellone Sigourney Weaver, e allora la visione è obbligatoria, come l'inchino davanti alla statua della madre del Megadirettore Cavalier Conte Diego Catellani tutte le mattine quando si entra in ufficio. Il film verte sul paranormale, Sigourney è una psicologa che in...[Continua]

Rivelazioni Di Un Maniaco Sessuale Al Capo Della Squadra Mobile

Roberto Bianchi Montero fa l'attore nei primi anni '40 e poi si dedica alla regia (ma anche alla sceneggiatura); dirige uno sfracello di film, generi vari, avventura, western, mondo movies, erotici, comici (pure Franco e Ciccio, per dire). All'altezza delle Rivelazioni Di Un Maniaco Sessuale è quasi a fine carriera (affollata di cosce, tette e culi), tuttavia, a dispetto del titolo pruriginoso, il...[Continua]

Rock Of Ages

Rock Of Ages è il musical che tutti gli hard rockers aspettavano, una glorificazione del rock per i rockers. L'inizio è da Play Station, con il titolo del film sparatissimo modello Guitar Hero, e capiamo subito che lo stile sarà quello, un po' di plastica, ma in fondo chissene, è la musica ad essere la vera protagonista, quindi "let the music do the talking". Molto interessante l'idea di far re-in...[Continua]

Rimini Rimini – Un Anno Dopo

Rimini Rimini - Un Anno Dopo segue effettivamente di un anno il precedente Rimini Rimini, sempre di Corbucci, e con un po' di attori condivisi. Rispetto al primo episodio però questo fu un fiasco al botteghino; l'opinione del sottoscritto è che, sebbene il sequel sia più stanco caciarone e volgarotto, il giudizio del pubblico (e ovviamente della critica) fu sin troppo punitivo, poiché in tutta sin...[Continua]

Roma Violenta

Roma Violenta di Franco Martinelli (aka Marino Girolami, aka il papà di Enzo G. Castellari, dove G. sta per Girolami appunto) è ritenuto uno dei passaggi imprescindibili del poliziottesco all'italiana, chi vuole approfondire il genere deve passare da questo film. Al di là del suo reale valore, è il suo significato storico che lo rende importante nelle cronache di quel cinema. I motivi sono moltepl...[Continua]