S

La Signora Dell’Orient Express

Un aspetto che mi ha sempre fatto simpatia della ruspante Malisa Longo è che anche a distanza di anni, passata la stagione del cinema di genere, smessi i panni dell'attrice richiestissima in tante produzioni italiane e internazionali, la Longo non abbia mai abiurato ad una parte sostanziosa della sua filmografia, quella più schiettamente erotica. Ancora oggi, se andate online sul sito dell'attrice...[Continua]

La Sorella Di Ursula

Enzo Milioni di film ne aveva già scritto qualcuno e dietro la MdP ci era finito per La Belva Col Mitra (seconda unità di ripresa); stava per arrivare la sua grande occasione, il primo film da regista, con Valentina Cortese, Dirk Bogarde e Gabriele Ferzetti, una pellicola d'autore, di livello. Tutto pronto per il primo ciak, il primo costosissimo ciak, questo fu almeno ciò che ritenne il produttor...[Continua]

Sono Tutte Stupende le Mie Amiche

Come promesso, approfondisco progressivamente l'opera di Fratter; nello stesso anno di Femminilità (In)corporea, dunque il 2012, il filmaker bergamasco produce anche Sono Tutte Stupende Le Mie Amiche, di taglio e genere completamente diverso. La speculazione onirica e l'intensità emotiva del primo lasciano il passo (o lo seguono, poiché credo che la sequenza cronologica sia inversa a quella da me ...[Continua]

Salvador

Nel 1986 come regista Oliver Stone era poca cosa, non era ancora un nome, mentre come sceneggiatore aveva già sulle spalle titoli come Fuga Di Mezzanotte, Conan Il Barbaro, Scarface, L'Anno Del Dragone. Si era stancato della Hollywood dei colletti bianchi e voleva rischiare in proprio, financo investendo capitali personali ma potendo poi godere di assoluta e totale libertà creativa e realizzativa....[Continua]

Una Storia Ambigua

Era rimasto qualcosa in sospeso, dal lontano 1986. Ricordo che un cinema a luci rosse in pieno centro città aveva in bella mostra i manifesti del film, rigorosamente vietato ai minori, mi pare di 18 anni, nonostante - una volta tanto - non si trattasse di un porno ma di un softcore. Succedeva che saltuariamente la programmazione si aprisse a pellicole non strettamente del filone, ad esempio ci pro...[Continua]

Salvate Il Soldato Ryan

Nell'arco di una manciata ristretta di anni escono 4 film di guerra che ridefiniscono il genere, Platoon 1986 (4 Oscar), Full Metal Jacket (3 nomination) 1987, Salvate Il Soldato Ryan 1998 (5 Oscar), La Sottile Linea Rossa 1998 (7 nomination). Si scatena una specie di derby incrociato che, per una mera questione di date di uscita, prevede due gironi così composti: Platoon vs Full Metal Jacket, Sal...[Continua]

Sesso Profondo

Sergio Salviati, figlio d'arte (ovvero di uno dei più grandi operatori di macchina del cinema italiano, quando era il Cinema Italiano, e di una disegnatrice e ricamatrice di moda), spesso braccio armato di Lucio Fulci, ha messo in fila dal '71 al 2007 parecchie pellicola come direttore della fotografia (lavorando anche con Steno, Martino, Castellari, Oldoini, Vanzina). Nel 1980 si trova a dover po...[Continua]

Survivor

Quella lenza irlandese di Pierce Brosnan non solo ha il merito - agli occhi del sottoscritto - di essere stato un credibilissimo, ironico ed elegante James Bond, ma ha pure l'ulteriore merito di essersi saputo e voluto riciclare come attore, senza rimanere schiacciato dalla Aston Martin di 007. Non solo, parallelamente al savoir faire da seduttore felpato, si è fatto carico di ruoli antipatici, pi...[Continua]

Song’e Napule

Registi innamorati del cinema di genere anni '70, produttore che da lì viene, che ha diretto, sceneggiato e prodotto una quantità infinita di pellicole "cult" del nostro cinema bis, comprese quelle del fratello Sergio Martino (e che purtroppo è scomparso prima che il film fosse terminato), per un risultato che quei paesaggi in pellicola li cita e li omaggia da vicino, pur non limitandosi al copia/...[Continua]

Sex Tape – Finiti In Rete

E' capitato spesso che da queste pagine mi sia scagliato contro una certa commedia italiana contemporanea, neo generazionale, dialettale, psicanalitica (all'acqua di rose), incartapecorita su certi cliché "situazionisti" e su attori e personaggi feticcio. Tuttavia non è che il mal di pancia ce lo abbiamo solo noi, perché pure in America, che di filoni di commedia ne conta 853, ce n'è uno che ha pr...[Continua]

La Svastica Nel Ventre

C'è una differenza abissale tra Salon Kitty di Brass e tutte le altre pellicole appartenenti al cosiddetto filone nazierotico, ed è la ragione per la quale nessuno degli epigoni è mai riuscito neppure lontanamente ad avvicinarsi all'opera di Brass (che pure aveva visto i propri numi tutelari in Visconti con La Caduta Degli Dei, nella Cavani con Il Portiere Di Notte, in Pasolini con Salò, quest'ult...[Continua]

Spectre

E fanno 24, i film di Bond, 4 quelli con Daniel Craig, 2 quelli diretti consecutivamente da Sam Mendes. Craig e Mendes si amano molto, perlomeno all'inizio della lavorazione di una nuova pellicola; al termine, con tutto lo sforzo produttivo che comporta un film di 007, credo che rappresentino l'uno agli occhi dell'altro la persona meno interessante con la quale trascorrere anche solo un quarto d'o...[Continua]